Orsi si diventa

Ecco un’artista che imparo ad apprezzare ogni giorno per la sua anima creativa, la sua forte ironia e la sua intelligenza che va ben oltre lo spirito emozionale che trasuda da ogni sua opera. Si è imposta rapidamente sulla scena internazionale fin dalle prime mostre con opere di grande impatto.

Paola Pivi è milanese di nascita, classe 1971 ma vive e lavora in Alaska. Vince il Leone d’oro alla XLVIII Biennale di Venezia del 1999 a soli 28 anni e vi partecipa nuovamente nel 2003. L’artista è presente con le sue opere in numerosi musei e ogni anno vengono fatte mostre temporanee con sue opere di grande impatto.

Attualmente al museo del’900 è visibile una sua installazione, l’opera One cup of cappuccino then I Go, mentre alla Galleria Perrottin di New York si è chiusa qualche giorno fa la mostra We are Baby Gang, una installazione con giovani coloratissimi e piumati orsi che vi presento in questo articolo.

Che cos’è l’arte per Paola Pivi? Un’idea, prima ancora di essere un oggetto, nata dalla realtà di un fatto o di una situazione e la sua rappresentazione manipolata attraverso i mezzi che lei stessa utilizza: fotografia, video, performance.

Le sue opere migliori a mio avviso sono e restano le sculture come questi giocosi orsi che abbiamo avuto modo di vedere qualche tempo fa esposti anche in vetrina alla Rinascente di Milano.

La reazione del pubblico di fronte alle sue opere? È quello il vero senso artistico dei suoi lavori: la reale performance dello spettatore che chiude lo spazio temporale della durata visiva di una sua opera d’arte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.