La libreria piena e non ho niente da leggere

Avete presente quei giorni in cui, pur davanti al guardaroba pieno, abbiamo la sensazione di non avere nulla da metterci? Che è un nulla da metterci per quello specifico momento. Perché mica siamo sceme, e tutti quei vestiti di cui l’armadio è pieno li abbiamo scelti noi; quasi sempre con cura e attenzione; quasi sempre perché ci piacevano.

Ma poi ci sono quei giorni, o quei momenti, in cui non c’è quello che vorremmo, quello che stiamo cercando. Magari oscuramente, ma con l’urgenza di un bisogno.

Schermata 2020-07-07 alle 11.14.06

Ecco, questo succede anche davanti alla libreria. Anche davanti alla più fornita delle librerie. Può capitare persino in una libreria nel senso di negozio di libri.

Quando mi capita con i vestiti, so che devo lasciar perdere il guardaroba e guardare in profondità dentro di me. Perché è da dentro che nascono gli slanci e i bisogni, i vuoti e i mancamenti, e studiarsi e capirsi è l’unica strada.

Uzo Hiramatsu- a way to blue
Bellissimo quadro di Uzo Hiramatsu che esprime il senso di smarrimento di fronte alla libreria Blue è il colore dello sconforto

Non è diverso con i libri. L’insoddisfazione verso quello che ci circonda è sempre un monito, un segnale di attenzione, uno stop. Va registrato, tanto per cominciare. E accettatto. Oggi non so cosa leggere. Okay, va bene. Magari oggi non leggo. Magari comincio un lavoro a maglia. Magari vado a fare una passeggiata. Magari faccio il pane. Ci sono milioni di alternative alle lettura, anche per i lettori.

E dopo, la libreria tornerà a splendere. Tornerà ad essere chic. I libri che non avete ancora letto saranno lì invitanti davanti a voi. Non vedrete l’ora di finire di lavorare, di salire sul treno, di sedervi sul divano, e finalmente aprire un nuovo libro. Con quel “frisson” di quando sta per iniziare qualcosa. Con l’energia con cui ci si lancia in una nuova avventura.

Chissà cosa si troverà nel prossimo libro?

Intanto buona giornata a tutti!

Anna da Re, blogger di ChicAfterFifty e opinionista per DonnaModerna.com e GreyPanthers.it

 

 

5 pensieri su “La libreria piena e non ho niente da leggere

      1. Non mi stupisce, perché è la più sconosciuta (e anche la più scarsa) dei 3. Colgo l’occasione per dirti che mi sono appena iscritto al tuo blog: non voglio perdermi i tuoi prossimi post a tema letterario. Grazie a te per la risposta! 🙂

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.