Ma l’unico vero giudice del libro è il lettore nel momento in cui legge

Ho finito di leggere Il conte di Montecristo. Vi ricorderete che vi avevo detto che lo stavo leggendo con il gruppo di lettura, e sicuramente il fatto che stasera ci sia il secondo e ultimo appuntamento su questo libro mi ha dato uno slancio in più per finirlo. L’avrei finito comunque, e non certo perché è bene finire quello che si comincia. L’avrei finito perchè … Continua a leggere Ma l’unico vero giudice del libro è il lettore nel momento in cui legge

Quando c’erano i romanzi a puntate

Uno dei libri che sto leggendo in questo momento è Il conte di Montecristo di Alexandre Dumas. È probabile che qualcuno di voi si ricordi lo sceneggiato televisivo di ormai parecchi anni fa, oppure il film. E di sicuro in molti l’hanno letto ed è considerato un classico, seppure un po’ sui generis. Il conte di Montecristo è quello che oggi verrebbe definito un romanzo … Continua a leggere Quando c’erano i romanzi a puntate

La meraviglia base della lettura: c’è sempre da imparare

Alle volte succede, quando si hanno passato i fifty e si è studiato un po’, di sentirsi un po’ saputelli. Non lo si direbbe mai, per carità, però dentro di sé si pensa di saperne un po’, e magari un po’ più degli altri. La lettura ti rimette al tuo posto silenziosamente, senza arrabbiarsi e senza criticarti esplicitamente. Semplicemente facendoti vedere quante cose non sai. … Continua a leggere La meraviglia base della lettura: c’è sempre da imparare